Labs to Learn: 3 webinar aperti al pubblico per la formazione del Metodo di Studio

Con l’avvio del nuovo anno scolastico riprende l’azione Metodo di Studio di Labs to Learn.

Presentiamo un ciclo di 3 webinar dal titolo COMUNITÀ’ DI APPRENDIMENTO rivolto a tutti coloro che sono interessati alle tematiche della scuola, dell’apprendimento e dell’educazione.

Diretta streaming sui canali Youtube e Facebook di Labs To Learn:

  • Webinar 1: “Ricostruire. Per una scuola incentrata sulla persona” (Mercoledì 10 novembre 2021)
  • Webinar 2: “Come allenare chi cresce alla vita: neuroscienze e life skills” (Mercoledì 1 dicembre 2021)
  • Webinar 3: “L’interdipendenza positiva tra i membri di un gruppo classe” (Mercoledì 12 gennaio 2022)

Di seguito le informazioni principali di ciascun appuntamento webinar.

Comunità di apprendimento

 WEBINAR

– 3 incontri online aperti al pubblico –

Diretta streaming sui canali Youtube e Facebook di Labs To Learn

Tre incontri per dialogare intorno alle sfide educative nella scuola che cambia e su come possiamo accogliere la responsabilità collettiva di agire in una direzione evolutiva

Crediamo molto che negli insegnanti e nella classe si debba riaccendere l’interesse e la passione, non soltanto per la materia insegnata, ma per la capacità di costruire una comunità, perché solo così è possibile realizzare un autentico ed efficace apprendimento. È necessario evitare fratture tra vita scolastica ed extra-scuola e prevedere un percorso formativo di qualità, volto alla formazione di una persona competente, capace con l’aiuto di tutta la comunità ad orientarsi efficacemente nelle scelte future.
In tal modo la scuola si pone come perno di un sistema esteso, integrato e innovativo.

Destinatari:

  • Docenti scuola primaria;
  • Docenti scuola secondaria di I grado;
  • Docenti scuola secondaria di II grado;
  • Dirigenti Scolastici;
  • Educatori;
  • Formatori;

Progetto Labs to Learn

Il progetto, che vede la sua realizzazione tra il 2020 – 2023, nasce con la finalità di favorire l’empowerment della comunità educante per dare vita ad un welfare territoriale rigenerativo, con servizi innovativi di prossimità per minori, flessibili, funzionali ai bisogni di apprendimento e relazionali, di sostegno e di prevenzione. 

L’obiettivo del progetto è contrastare la dispersione scolastica e prevenire la povertà educativa incrementando il numero dei giovani con difficoltà che assolvono l’obbligo scolastico, accedono alla formazione superiore e/o all’inserimento lavorativo, avviando un percorso di crescita personale secondo le proprie inclinazioni e aspirazioni.

Il progetto, a carattere sperimentale, rinforza ambiti operativi di potenziale valore per il contrasto della povertà educativa, attraverso il coinvolgimento della comunità locale.

WEBINAR 1 - Mercoledì 10 novembre ore 17 -18.30

Marco Rossi Doria | insegnante, politico, presidente di Impresa Sociale Con i Bambini

“Ricostruire. Per una scuola incentrata sulla persona”

Modera Alessandro Brescia | responsabile progetto Labs To Learn

Serve ripensare la scuola. Serve una scuola in cui si ragiona, una scuola laboratoriale, in cui si sta bene insieme, in cui non si perde nessuno. Una scuola che non lascia dietro nessuno è la vera buona scuola.

La scuola oggi sembra essere diventata un corso di formazione continuo, un diplomificio in cui l’unico obiettivo è quello di acquisire delle competenze spendibili nel mondo del lavoro. La scuola dovrebbe servire in primo luogo a rendere le persone capaci di vivere nel mondo in modo consapevole, intessere relazioni interpersonali sane, superare ogni individualismo e aprirsi alla differenza e al dialogo. La scuola di oggi dovrebbe essere una scuola umanista, incentrata sulla persona, dovrebbe insegnare a vivere.

WEBINAR 2 - Mercoledì 1 dicembre 2021 ore 17- 18.30

Alberto Pellai | medico, psicoterapeuta dell’età evolutiva e ricercatore presso Università degli Studi di Milano

“Come allenare chi cresce alla vita: neuroscienze e life skills”

Modera Andrea Rosa | psicologo, formatore, orientatore

Come e perché sostenere il saper essere dei nostri studenti.

Ti sei mai chiesto se sei in grado di risolvere i problemi e gli imprevisti che la vita ti presenta? Se sei capace di prendere decisioni efficaci anche sul lungo periodo? Quanto riesci a gestire lo stress e a metterti in relazione con gli altri? O a farti venire un’idea illuminante quando ce n’è bisogno? 

E ancora…”Cosa vuol dire maturità? Vuol dire la possibilità di integrare i neuroni localizzati dentro la corteccia prefrontale con molte aree differenti. Questa architettura di reti neuronali permette al soggetto di realizzare in modo competente quelle attività mentali che sono di grande supporto per il successo nella vita.

WEBINAR 3 - Mercoledì 12 gennaio 2022 ore 17 -18.30

Mario Comoglio | Docente presso la Facoltà di Scienze dell’Educazione dell’Università Pontifica Salesiana

“L’interdipendenza positiva tra i membri di un gruppo classe”

Modera Sara Dal Cin | Consulente Aziendale, Formatrice e Facilitatrice dell’Apprendimento

Uno dei problemi che si pongono agli insegnanti è di organizzare la classe trasformandola in un contesto laboratoriale dove gli studenti si coinvolgono nel loro apprendimento. Contemporaneamente si pone il problema di come gestire la complessità delle relazioni che sono generate dalla vita della classe in una prospettiva orientata alla formazione dei profili competenti.

Coordinamento percorso formativo e ciclo webinar a cura di Rosanna Todisco

Primo incontro del Percorso Missionario

Domenica 17 ottobre è stato fatto il primo passo del “Percorso nel cuore del mondo” 2021/2022, che ha visto come protagonisti tanti giovani provenienti da oratori e scuole salesiane accomunati da un profondo desiderio di conoscenza del mondo che li circonda. La struttura delle Figlie di Maria Ausiliatrice ha aperto le porte anche al gruppo di ragazzi che ha concluso il Corso Partenti 2020/2021 con la missione nello scorso mese di agosto.

I ragazzi “partiti” nei mesi estivi – due gruppi missionari a Torre Annunziata e un gruppo in Lituania –  hanno approfondito i temi dell’esperienza di Fede, l’esperienza di Gruppo e incontro con l’Altro, testimoniando che la verità si rivela nella semplicità della vita spesa e condivisa.

Il primo incontro ha permesso al nuovo gruppo di conoscersi attraverso giochi, momenti di condivisione e confronto su sogni, aspettative e motivazioni che hanno spinto loro ad intraprendere un cammino missionario. Inoltre, è stata un’occasione per conoscere l’equipe, composta da don Marco Cazzato, don Theophilus Ehioghilen e suor Carmela Busia. La cena condivisa e la preghiera finale, insieme alla “buonanotte” di don Luca Barone, hanno concluso questa prima giornata all’insegna del desiderio condiviso di trovare la propria Missione.

 

6-7 novembre Savio Club al Colle Don Bosco

Riprendono gli incontri dei Savio Club, rivolti ai ragazzi/e dalla prima alla terza media, al Colle Don Bosco nella giornata di sabato 6 novembre e domenica 7 novembre. La scelta dei giorni sarà a discrezione dei gruppi, in funzione delle singole esigenze.

Il programma delle due giornate sarà il seguente:

  • 9.30: arrivi
  • 10.00: inizio
  • 16.00: Santa Messa
  • 17.00: termine

Per informazioni maggiori scrivere a: alberto.goia@salesianipiemonte.it | pastorale@fma-ipi.it

#1 E se la Fede: La Morte

Primo appuntamento per il percorso di “E se la Fede avesse Ragione?” che riparte dalla Basilica Maria Ausiliatrice di Torino Valdocco. Tema trattato dalla catechesi di don Luca Ramello, delegato per la pastorale giovanile diocesana, e suor Paola Casalis, delegata per l’animazione vocazionale per le Figlie di Maria Ausiliatrice, è stato quello della Morte.

Don Luca, ha sviluppato la sua catechesi attorno a 5 punti principali:

  • Scandalo ed enigma
  • La visione cristiana
  • La morte benedetta e maledetta
  • La nostra condizione di “mortali”
  • Morire in Cristo (la reincarnazione)

Suor Paola invece, ha affrontato la tematica partendo dall’arte: l’opera centrale era La Pietà del Rondanini, Michelangelo – 1552/1564.

L’appuntamento è stato trasmesso in diretta sulla pagina Facebook ufficiale di E se la Fede ed è disponibile anche sul sito eselafede.it.

Prossimo appuntamento: giovedì 4 novembre 2021 “La Resurrezione”.

Conclusa la formazione generale per gli operatori del Servizio Civile dei Salesiani in Piemonte e Valle d’Aosta

Lo scorso 12 ottobre si è concluso il percorso di formazione generale rivolto agli operatori del Servizio Civile – Salesiani in Piemonte e Valle d’Aosta. Di seguito un breve resoconto del percorso a cura di Rosanna Todisco dell’Ufficio per il Servizio Civile di Salesiani per il Sociale.

***

Il percorso di Formazione Generale di 50 ore per gli operatori di Servizio Civile dei Salesiani in Piemonte e Valle d’Aosta si è concluso martedì 12 ottobre a Valdocco. Sono stati 120 i giovani partecipanti degli 8 progetti delle Opere Salesiane.

L’ultimo appuntamento, è stato organizzato su due giorni consecutivi e ha permesso al gruppo in formazione di vivere un’esperienza intensiva, di apprendimento e aggregazione.

La prima giornata è stata dedicata alle Softs Skills, alla motivazione, al cambiamento e alle risorse personali che coinvolgono gli operatori durante il loro viaggio di Servizio civile. Ha condotto la formazione l’equipe di Social and Community Theatre Centre dell’Università degli Studi di Torino.

Durante la seconda giornata abbiamo parlato di Legalità, Solidarietà, diritti e impegno civile: tra i nostri ospiti abbiamo avuto Farhad Bitani, scrittore afgano che si occupa di promozione della pace e del dialogo interreligioso e interculturale, Emiliano Somellini del CIDMa di Corleone Centro Internazionale sulla Mafia e sull’Antimafia e l’esperienza del Calcio sociale a Corviale.

Abbiamo dedicato al pomeriggio la visita al Museo Casa don Bosco ai luoghi della Storia salesiana a Valdocco.

La formazione ha la finalità di accrescere nei giovani la partecipazione attiva alla vita della società e la consapevolezza sul significato della scelta e dell’esperienza di servizio civile.

Aspetto qualificante del servizio civile universale, destinato ad assumere sempre maggiore rilevanza nel futuro, è, accanto ad una presa di coscienza negli operatori volontari della dimensione di servizio alla comunità, anche il conseguimento di una specifica professionalità.

Rosanna Todisco

Tutto pronto per il primo incontro del Percorso Missionario

“Il primo passo della missione è aprire il cuore all’incontro con l’altro, a partire dal proprio prossimo.”
don Marco Cazzato

È questa la motivazione dietro il primo incontro del “Percorso nel cuore del mondo” 2021/2022, che si terrà a Valdocco domenica 17 ottobre dalle ore 16:00 alle ore 22:00, presso la struttura delle Figlie di Maria Ausiliatrice di piazza Maria Ausiliatrice 35 (Torino).
L’incontro darà il via ad un percorso annuale: ogni incontro sarà accompagnato da un tema legato ad una visione mondiale e sociale della fede e del carisma salesiano. Per chi vorrà, ci sarà infine la possibilità di partire per un’esperienza in terra di missione nel mese di agosto 2022. Il percorso è rivolto principalmente ai giovani dai 20 ai 30 anni provenienti da oratori e scuole salesiane, e non solo…

“Lo scopo principale è: ci presentiamo, ci conosciamo e conosciamo il percorso.”
don Theophilus Ehioghilen

Il primo incontro non sarà guidato da un tema preciso: sarà un’occasione per conoscersi reciprocamente e condividere, in stile salesiano, le motivazioni, i sogni e le aspettative. Parte dell’incontro sarà guidato dai ragazzi che hanno vissuto l’esperienza missionaria l’estate scorsa.

“Dato che tutti siamo una missione (e non facciamo una missione), questo primo incontro è per chi ha il coraggio di ascoltare quanto inciso nel nostro cuore. Quindi anche per te, se hai sentito una testimonianza che ti ha acceso qualcosa nel cuore, hai voglia di metterti in gioco e farti rovesciare.”
suor Carmela Busia

 

Campo 4 e assemblea MGS al Colle Don Bosco

Dal 23 al 26 settembre presso l’opera del Colle don Bosco si è svolto il Campo 4: un momento di ritiro e riflessione per i giovani neo-maturati sino ai 29 anni.

A questo appuntamento hanno partecipato più di 100 giovani che si sono confrontati con le tematiche educative relative alla comunità educativa pastorale, secondo la proposta del quadro di riferimento della pastorale giovanile: gli interventi di Don Alberto Martelli e Don Matteo Rupil hanno guidato ed aiutato i giovani nella riflessione.

Un’altra tematica affrontata è stata quella del discernimento. Grazie all’ incontro avvenuto a Chieri, luogo simbolico del discernimento di Giovanni Bosco, con tre testimoni che hanno raccontato i diversi aspetti di questo fondamentale elemento della vita di ogni persona: Don Tiziano Baracco, missionario per 20 anni in Romania, ha raccontato la sua esperienza di consacrato missionario; Melisenda Mondini, direttrice della scuola dell’opera di Ivrea, ha illustrato l’impegno di un laico nel mondo del lavoro e nella concretezza del quotidiano secondo lo stile Salesiano; Fabrizio Gambaro, ha sottolineato l’importanza della relazionalità all’ interno degli ambienti sociali e lavorativi.

I giovani partecipanti, che hanno gestito da protagonisti anche i più piccoli aspetti organizzativi del campo, hanno sottolineato nelle diverse condivisioni l’ importanza di un discernimento concreto da vivere nella vita quotidiana, nelle occupazioni e nel lavoro, nell’impegno a vantaggio dei più svantaggiati.

La giornata del 25 settembre è stata invece dedicata all’assemblea MGS. I giovani del Movimento Giovanile Salesiano si sono confrontati con le esperienze di vita e con le provocazioni di Renato Cursi, segretario esecutivo di Don Bosco international, e Andrea Farina, coordinatore dell’Osservatorio salesiano per i diritti dei minori.

L’Europa ci invidia per la nostra gioia nella fede e per il nostro coraggio di proposte nella pastorale giovanile e per la nostra capacità di essere presenti nei territori con le nostre opere.
Renato Cursi

 

Fondamentale è la convenzione dell’infanzia sui diritti dell’adolescenza come strumento capace di promuovere politiche attive ed educative mettendo al centro il loro protagonismo.
Andrea Farina

 

 

E se la Fede avesse Ragione? 2021/2022 – Le ragioni della SPERANZA

Riprendono gli appuntamenti di “E se la fede avesse ragione?” per l’anno 2021-2022: sei incontri rivolti ai giovani per un percorso autentico di fede, organizzati in collaborazione con la Pastorale Giovanile Diocesana. In particolare, in questa nuova edizione, gli incontri avranno come tema “L’amor che move il sole e l’altre stelle” – Le ragioni della SPERANZA.

L’appuntamento sarà sempre presso la Basilica Maria Ausiliatrice di Valdocco dalle ore 21.00 alle 22.30, con possibilità, per chi lo desidera, di una cena condivisa alle ore 19.45. Il primo appuntamento sarà giovedì 14 ottobre.

Per non perdere tutti gli incontri aggiungili sul tuo calendario Google: